martedì 27 gennaio 2009

Il mio Kublaicamp /3


Ho una seria convinzione, che mi viene dalle esperienze in campo professionale: i giovani di oggi si dividono in due categorie, quelli che meglio perderli e quelli che meglio trovarli.
.
Le ragazze di Gas2puntoZero fanno parte di quelli che "meglio trovarli".
.
Sono arrivate da sole, senza conoscere nessuno, con il loro carico di entusiasmo per un progetto che forse per loro è piccino piccino, ma che visto da fuori è un'idea che potrebbe anche avere sviluppo in molte grandi città.
.
Ho conosciuto Giorgia e Francesca (che si sono sottoposte al mio fuocodifila di fotografie senza "quasi" fiatare) che insieme con Claudia e Silvia studiano nella stessa università. E, perchè sono "avanti" e studiare non basta, hanno buttato giù questo progettino.
.
In pratica, ai Gas tradizionali (Gruppi acquisto solidali) vanno a cucire sopra la tecnica del web 2.0 per supplire alla parte barbosa del gas che poi è la riunione settimanale e la consegna della merce.
.
Insomma, prendiamo una come me, che non ha tempo di andare a riunioni o andare a prendersi la roba, si iscrive a questo gas2puntoZero, e via Web manda ordini, sceglie, chiede la consegna etc etc.
.
Mi ricorda un po' la cooperativa da cui, da un po' di tempo, faccio arrivare la verdura ogni settimana, si chiama Cornale e funziona, per i prodotti dei contadini, con questo meccanismo di distribuzione.
.
L'idea è grande, soprattutto se applicata alle grandi città e loro sono carinissime e piene di entusiasmo: direi che gli ingredienti base ci sono.
.
In bocca al lupo ragazze!

1 commento:

Giorgia ha detto...

Grazie Elena per l'entusiasmo col quale parli di noi!
E'stato un piacere conoscerti, hai una personalità molto coinvolgente.

Complimenti per le foto, anche se penso che Francesca dovrebbe pagarti lo scatto meglio riuscito...
Un abbraccio,
Giorgia Marinuzzi (GAS 2.0)