martedì 2 febbraio 2021

Riflessioni

 In democrazia non vince l'eccellenza, ma il "comune" compreso da tutti.

(grazie Fabio)

Shelly Fraley - Life Begins (Official Lyric Video)


Take, take it all
It's all for you everything
This is where life begins
All, all brand new
Not a clue
Here we go
This is where life begins
This is where life begins
All that I need
Everything is in you
This is where life begins
All that I feel
So complete
Here with you
This is where life begins
This is where life begins
Love that I can't define
Made our place in this life
Your're my melody, my everything
Your song in my ear
Sweet sweet voice, I love it here
You're my melody, my everything
Take, take it all
It's all for you
Everything
This is where life begins
All, all brand new
Not a clue
Here we go
This is where life begins

lunedì 22 giugno 2020

Summer Night's sky

Cielo di una notte d'Estate

Tre secondi, a mano libera, per catturare un pezzo di cielo di notte d'Estate.
Tre secondi a espirare lentamente, lentamente, per reimparare a tener ferma la mano, e il cuore, e la mente, mentre scatti la foto tenendo la macchina con te.

Tre secondi sono il tempo esatto di una emozione: nasce, esplode dentro e muore.
Tre secondi per vivere una gioia, mandarla nel cielo attraverso l'obiettivo. E scattare.
E fermarla, in una foto, da tre secondi di posa.


domenica 21 giugno 2020

Tramonto sul Lago di Como

Sunset on Lake Como, from Torno

La prima foto, dopo il Covid: la più difficile.
Non scatto una foto con la Niki da mesi, precisamente dall'8 marzo 2020, ultima uscita in Valbasca prima del lockdown, e prima di allora era il 2019 ...
C'erano tutti i sintomi di una crisi, il Covid l'ha solo fatta emergere: mi era passata la poesia, tanto di aver pensato, nei giorni scorsi, di vendere l'attrezzatura.

Poi, oggi, ho sentito al telefono la mia cara Amica Carla, che ha il potere di farmi sentire bene. Sempre. E quel groppo che c'era in gola, è "venuto su", se n'è andato.

Questa è la prima prima foto di una nuova fase.
Questa foto è dedicata a te, cara Carla.

domenica 12 aprile 2020

Hope: Buona Pasqua



La mia cara Amica Carla, che sento troppo poco spesso, oggi mi ha fatto un regalo grande.
Ci siamo sentite dopo tempo per gli auguri di Pasqua, e lei mi ha detto, più o meno "Ti regalo la speranza".

Non c'è nulla di così potente come la speranza: è quella che ti fa programmare, e ti fa arrivare alla meta, ed è quella che anche all'ultimo secondo, ti fa andare avanti.

Di quanta speranza abbiamo bisogno oggi, in questa Pasqua con il cuore solitario, riempito di voci, tante voci, tante telefonate, ma nessun abbraccio, nessun bacio o carezza.

Stamattina, alle 10, ci siamo dati appuntamento con i vicini del Condominio dove abito per un caffè sul balcone e gli auguri: non c'erano gli abbracci, ma c'era un sole bellissimo che ci ha scaldato il cuore. La natura si sta curando, ci sta curando. Ci sta dicendo che non è tardi per avere un mondo migliore: ci vogliono coraggio e speranza.

Buona Pasqua!


(l'immagine hope è presa da https://desenio.it/it/hope-poster

mercoledì 8 aprile 2020

Coronavirus, lockdown e la stanchezza

Prima abbiamo ballato sui balconi, alle finestre.
Abbiamo cantato l'inno d'Italia e cucinato pizze e torte come non ci fosse un domani.

Poi abbiamo visto quella processione di camion dell'Esercito che portavano le bare da Bergamo a fuori provincia per la cremazione, perché a Bergamo non avevano più posto. Ed era lunga, quella processione, di notte, con le luci della strada deserta.

E allora abbiamo cominciato ad ascoltare: racconti dalla frontiera degli Ospedali, stravolti nella loro struttura per curare quante più persone possibili. Medici, infermieri, coperti dalle tute spaziali che li rendono irriconoscibili, davanti a una malati che restano soli, senza gli affetti, che muoiono soli, forse solo con la consolazione di una videochiamata a casa, o accompagnati direttamente alla morte dopo essere stati intubati.

Ed è cominciata la paura, razionale, che ti porta a seguire le regole e stare in casa, e irrazionale, che porta gli anziani, i più deboli, ad uscire di casa tutti i giorni per comprare un panino al giorno e mezzo litro di latte. La rabbia razionale di chi non vuole, ma sta in casa, e quella irrazionale che insulta quelli che escono, senza nemmeno chiedersi il perché.

Poi è arrivato l'orgoglio, degli italiani veri, che non stanno nè a destra nè a sinistra, ma che ringraziano il cielo per tre ospedali tirati su dal nulla in dieci giorni grazie alle donazioni e al lavoro di tantissimi volontari, e grazie al fatto che la burocrazia, per una volta, è stata messa all'angolo.

E ora arriverà Pasqua: la principale festa per i cristiani, e sarà senza sacramenti.
Ma ho come l'impressione che la cura dell'anima stia passando un po' troppo in secondo piano.

E' arrivata la stanchezza, quella dell'incertezza, quella della malattia che comincia ad avere il nome e cognome delle persone che se ne stanno andando, quella della paura, dell'insicurezza, del non sapere più cosa inventarsi per non pensarci. Quella stanchezza che, o cambi, o sei davvero quel resiliente che dicevi di essere, o prima o poi ti spazza via.

E quindi, piego le gambe, per attutire il colpo.
E prima di esser troppo stanca, mi preparo a saltare sullo sperone del nuovo tratto di vita che ci attende.