venerdì 6 giugno 2008

Rimini

Sono appena arrivata a Rimini, dove questa sera si festeggia il compleanno di Fabio.
La prima cosa che ho voluto rivedere e' stata la ex colonia De Orchi, dove ho passato alcune vacanze estive, la prima a soli 5 anni e mezzo.
Solo chi ha vissuto l'esperienza della colonia mi puo' davvero capire.
Sono turbata...
Ma era una cosa che "dovevo" fare...



Sent from my BlackBerry® wireless device

15 commenti:

stellavale ha detto...

Buon we allora!

Elena ha detto...

@stellavale è stato davvero un bel we, De Orchi a parte ;)

Anonimo ha detto...

come ti capisco!...per diversi anni ho passato le vacanze lì!..proprio adesso sto creando su facebook un gruppo con "quelli che sono stati almeno una volta alla "de orchi"...spero di far ritrovare un sacco di gente che ha passato le vacanze li e che poi si è persa di vista...ciao..diego...

Elena ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Elena ha detto...

@diego: io ho ancora gli incubi della De Orchi, e l'ultimo dei miei pensieri è ritrovare i sopravvissuti ;)

pattinidargento ha detto...

Io sono una di QUELLE della colonia De Orchi.
Torno da un fine settimana dalle parti di Riccione e nel tornare indietro sono passata da Rimini per controllare come si era ridotta la struttura della colonia
Che tuffo al cuore quando nel costeggiare il mare ho riconosciuto la sagoma dell'edificio.
Era proprio lui e, finalmente lo potevo vedere dall'altra parte della barricata e dei cancelli, che per anni ho immaginato come prigione.
Forse per i maschi la situazione era più sostenibile, ma io ho vissuto male quel periodo anche se lo rimpiango.
Sono gemella di un maschio e per la prima volta, la colonia, mi ha fatto capire la mia diversità nel proibirmi di fare o stare dove era il mio gemello.
A sinistra i maschi sembrava che si divertissero, che facessero gruppo e a destra la femmine si squadravano e si giudicavano.

pattinidargento ha detto...

La sera, io e il mio gemello, ci nascondevamo dietro un albero della fina più prossima al sentiero che separava lo spazio di destra da quello di sinistra, per non farci vedere dalla postazione dove risiedeva la direttrice e ci scambiavamo qualche battuta di saluto.
Era il momento della giornata dove ritrovavo me stessa.
Eppure il ricordo doloroso è stato spazzato via da quello nostalgico. La costatazione che anche io,
seppur con dolore, ho fatto parte della colonia De Orchi mi aiuta a diluire il dolore che ho provato da questo distacco e a inorgoglirmi di essere riuscita a superare le condizioni da campo di prigionia. Mi sento come se anche io avessi fatto il militare. Ricordando: le ispezioni negli armadietti; gli alza bandiera la mattina; le corse dal mare tutte bagnate per andare a fare la doccia; i fischi di inizio e di fine bagno; l'accortezza di nascondere in posti inaccessibili le palline di creta o i noccioli delle pesche con i quali, in determinati orari, potevi giocare; la puzza di latrina dei bagni posti in fondo ai campi; l'arroganza della capo gruppo e per finire la cattiveria, alle volte sadica, delle maestre chiamate signorine.
Eppure nessun dolore mi potrà far scordare il piacere inebriante del profumo di caffè e latte e la morbidezza dell'erba sotto i piedi nudi, mentre la mattina tutte in fila si assisteva all'alza bandiera

Elena Trombetta ha detto...

pattini, io ho solo ricordi brutti...
l'unica cosa di cui mi posso "vantare" è di essere sopravvissuta e di aver tratto da quella esperienza la capacità di stare lontano dai guai ...

Anonimo ha detto...

Chi non ha vissuto la colonia de orchi non può capire .....io ci sono stato dal 1986 al1994...quanti ricordi quanti amici ben 9 anni!!!! Gli amici che ritrovavi dell'anno prima la serata discoteca i vari tornei sportivi e come dimenticare la direttrice Mariella che quando combinavi qualche cazzata ti chiama al microfono dicendo.....nome cognome seguito da un da me'......!!quanti pianti la sera prima della partenza verso casa sapevo che tanti amici non li avrei più rivisti anche perché ai tempi non c'era questa tecnologia....vorrei solo riagganciare dei rapporti con amici che magari si ricordano ancora di me.....io sono Matteo Robustelli magari qualcuno si ricorda.......grazie de orchi per i bei momenti che mi hai fatto vivere....

Anonimo ha detto...

...ciao, e io che pensavo di essere l'unica ad avere ricordi terribili di quell'esperienza..

Elena Trombetta ha detto...

Da quello che leggo in giro ci sono stati due periodi: quello che ho vissuto io, dei quali tantissimi nemmeno parlano per quanto brutti sono i ricordi, e quello successivo nel quale, non so cosa sia cambiato, ma chi ci è stato si è davvero divertito.
A me è andata male

Anonimo ha detto...

EZ 62. Ci sono stato dal 68 al 72, un Lager! Durante il servizio militare ho girato 4 caserme, e la peggiore era meglio della De Orchi!

Anonimo ha detto...

Chi lo approva il commento? La De Orchi?

marco como ha detto...

Sono andato per 4 anni nel mese di luglio dal 1964.condivido i brutti ricordi ,(peggio del servizio di leva obbligatorio)non ho avuto figli ma mai li avrei mandati in colonia...

Elena Trombetta ha detto...

Anonimo: il commento lo approvo io, ora che sono tornata dalle vacanze :)