martedì 16 settembre 2008

Vestirsi in autunno

Stamattina il cruscotto dell'auto segnava 10 gradi.
.
Sono uscita di casa con pantaloni, camicia, maglioncino, scarpe chiuse e SENZA CALZE.
.
E riflettevo: in primavera, quando comincia ad arrivare il primo teporino e ci sono dieci gradi la mattina, esco di casa con calze, stivali e magari anche il giacchino (non dico il cappottino leggero ma quasi), e in primavera sono temprata dal freddo dell'inverno, quindi, in teoria, lo sento meno.
.
Ora che si arriva dall'estate, e dalle vacanze al mare dove, per la prima volta in vita mia, stavo in canottiera anche la sera, e che quindi si sente il primo freddo come ad essere in Siberia, mi rifiuto di mettere le calze.
.
Eppure dovrebbe esserci un "protocollo" di come ci si veste in base alla temperatura.
.
Ma alla fine cos'è che mi fa vestire in modo così incongruente?
E' la voglia di non "chiudere" l'estate, o solo la pigrizia di evitare come la peste bubbonica il temutissimo "cambio degli armadi"?

2 commenti:

Grissino ha detto...

qui 7°C anche io devo fare il cambio armadio e sulla sedia ho ancora i bermuda usati fino a 3 giorni fa!

S.B. ha detto...

Idem. Cambio degli armadi con il costume da bagno ancora sulla poltrona... :-(